LA SIESTA festeggia la sua prima raccolta di cotone Biologico con il progetto Organic Cotton for Colombia

Quest’anno LA SIESTA ha un evento speciale da festeggiare:

grazie all’impegno del suo fondatore Alexander Grisar, il primo raccolto di cotone biologico a Tolima, in Colombia, coltivato, raccolto e filato direttamente da LA SIESTA. Siamo fieri di essere riusciti a fare un passo avanti verso una produzione ecosostenibile, delle nostre amache colombiane, specialmente per quanto riguarda i nostri sforzi per evitare i trasporti superflui.

Pioniere nel cuore: LA SIESTA e il cotone biologico

Già nel 2008 LA SIESTA, sotto la guida di Alexander Grisar, ha cominciato a produrre, come prima ditta al mondo, le prime amache e prodotti in cotone biologico certificato.

Questo ruolo da pioniere, nel settore delle amache, si è sviluppato ulteriormente, attualmente circa il 20% dei prodotti di cotone de LA SIESTA è in cotone biologico certificato.

Nel 2014 i nostri prodotti in cotone biologico della Colombia hanno ricevuto il sigillo GOTS. Per ottenere la certificazione GOTS, sono considerati sia criteri ecologici, sia sociali; le norme di questa certificazione sono oggigiorno le più severe nel settore tessile globale.

L´iniziativa SOCiLA

L’iniziativa SOCiLA (Support Organic Cotton in America Latina) è stata creata da Alexander Grisar e LA SIESTA, per favorire la coltivazione di cotone biologico in Sud America. L’iniziativa, da circa 6 anni si è posta l’obiettivo di fornire informazioni e consulenza ai coltivatori, prevalentemente in Colombia, e con il progetto Organic Cotton for Colombia ha realizzato la prima coltivazione biologica nella provincia di Tolima.

P003Il progetto: approccio pratico e attuazione

Il progetto è stato realizzato, coinvolgendo numerosi partner locali e rinomati consulenti europei, su quattro campi di coltivazione, a 80 Km a sud della provincia di Tolima, in una superficie di circa 21 ettari di terreno. LA SIESTA si è fatta carico di tutti i costi, della coltivazione, dell’elaborazione e della consulenza, ed è riuscita così a produrre il “suo” primo cotone o meglio filato. Dopo questo inizio eccitante, è arrivato il momento del raccolto. Questo progetto vuole essere un’esperienza utile e ispirare ulteriori coltivazioni biologiche. Perciò LA SIESTA ha stretto un contratto di obbligo di acquisto, impegnandosi con un gruppo di coltivatori del sud della provincia di Tolima, ad acquistare cotone biologico da loro prodotto, per l’arco di 5 anni, a prezzi d’acquisto prestabiliti.

Dopo il raccolto, lo sgranaggio, la separazione del cotone dai suoi semi, è stata eseguito in un impianto, nei pressi del campo di coltivazione. La fibra di cotone ottenuta è stata poi elaborata da una filanda di Medellin.

Il progetto rispetta sia le direttive di certificazione biologica europea (EC 834/2007), quella americana (USDA/NOP), per ognuno dei 4 campi di coltivazione, per l’impianto di sgranaggio, sia le direttive della certificazione GOTS per l’impianto di sgranaggio e della filanda.

Le ispezioni di conformità sono già state effettuate e consideriamo, che gli sforzi per ottenere le certificazioni daranno buon frutto; tali da poter ottenere un ottimo filato, da poter utilizzare per la produzione le nostre amache con certificazione GOTS.

In Colombia l’opinione pubblica pensa che le certificazioni siano qualcosa difficile da ottenere.

Grazie agli sforzi fatti per ottenere le certificazioni del nostro progetto, vogliamo mostrare ai coltivatori e al settore tessile locale, che le cerificazioni BIO, e le certificazioni GOTS, hanno un valore e facilitano l’accesso ai mercati esteri.

Vantaggi per l’uomo e per la natura grazie all´Organic Cotton for Colombia

Oltre a ridurre i lunghi trasporti, con l’obiettivo di favorire lo sviluppo della produzione di cotone biologico in Colombia ci aspettiamo di poter migliorare i seguenti aspetti:

  • Protezione della salute dei coltivatori colombiani e delle loro famiglie
  • Protezione e valorizzazione del terreno – evitando il fenomeno dell’erosione
  • Conservazione della Biodiversità – riducendo le monocolture tipiche per la zona
  • Decongestionamento delle acque di superfice e della falda acquifera
  • Nuovi posti di lavoro per la regione
  • Apertura di nuovi mercati per l’industria tessile e del confezionamento.

Siamo lieti di poter utilizzare il cotone raccolto e prodotto dal nostro progetto, e con esso speriamo, di poter contribuire al miglioramento della vita e delle condizioni lavorative, delle persone che hanno collaborato alla produzione delle nostre amache.

Comments

comments